Archivio | Uncategorized RSS feed for this section

Creative Minds: Margherita Casprini

27 Ott

the-one-cover-1.jpg

Cresciuta respirando aria di architettura nello studio del padre, architetto a Firenze, quasi inevitabilmente Margherita Casprini sceglie la matita come prima amica e compagna di vita. Che non ha mai tradito, ma scelto e riscelto a ogni bivio che le si è presentato, superando il destino di figlia d’arte e abbracciando la libera professione “per seguire quello che desideravo veramente”, dopo aver insegnato per un breve periodo architettura d’interni a La Spezia.

Determinante è l’incontro con Francesco Paszkowski nel 2006. “Ho cominciato a collaborare con lo studio Paszkowski per gli interni, dando il mio contributo per la ricerca di nuovi materiali, una componente fondamentale nei progetti. Con il tempo il lavoro dello studio è aumentato e mi sono fatta coinvolgere. Con Paszkowski ho imparato a considerare il progetto come un corpo unico, anche se ho continuato a lavorare solo agli interni sotto la guida di Francesco”. Questo significa anche il décor, l’illuminazione, la progettazione di mobili e lampade custom, l’allestimento completo della barca “anche per oggetti di uso quotidiano a bordo, come piatti e asciugamani, bicchieri e cuscini, per mantenere anche in questo la coerenza del progetto”. La sfera d’intervento di Casprini si amplia giorno dopo giorno e i confini del mondo della nautica, il core business dello studio, vengono oltrepassati. Nascono oggetti e progetti di case. “A bordo di Papi du Papi, 50 metri costruito da Isa nel 2011, il décor creato era fondato su due sole essenze, unito a vetro e pelle, materiali che facevano da “contenitore” ai mobili custom e agli oggetti personali che l’armatore possedeva e desiderava avere a bordo. Dopo aver realizzato la sua barca, l’armatore ha affidato allo studio anche il progetto della sua casa. L’approccio è stato simile. Per il progetto della sua dimora, abbiamo lavorato su scelte architettoniche e definizione degli spazi, dove quinte in arredo creano i diversi ambienti senza separazioni nette. Come a bordo, la luce ha giocato un ruolo importante, mirato a esaltare il contrasto luci-ombre, creato dai materiali”. Anche in questo caso i mobili progettati per l’esterno “ricordano la forma di quelli all’interno per coerenza progettuale, come facciamo anche nelle barche quando ci occupiamo di interni ed esterni”. Nel suo lavoro Casprini é supportata dallo staff dello studio dove oggi lavorano designer di diverse nazionalità. “È stimolante lavorare in un ambiente così eterogeneo e so di essere una persona fortunata perché ho avuto l’opportunità di fare il lavoro che mi piace. Il contatto con il cliente e il controllo della produzione sono necessari per ottenere un risultato che esprima equilibrio e armonia, qualunque sia il gusto – classico, contemporaneo o minimalista – del committente. A volte può essere molto impegnativo, ma fondamentale. Lavorando con Paszkowski, che vanta una lunga esperienza, ho cercato di proporre le mie idee, ma anche di “rubargli il mestiere” e ho imparato che ascoltare e osservare sono indispensabili per affrontare un progetto che possa soddisfare i desideri del cliente. Abbiamo un confronto quotidiano costruttivo, soprattutto quando partiamo da posizioni diverse”. Sono numerosi i progetti affidati allo studio Paszkowski da privati e da cantieri, nella nautica e nel residenziale, ai quali Margherita Caprini collabora attualmente. Non ci sarà da stupirsi se lo studio dovesse un giorno pensare di creare una nuova struttura per lo sviluppo di prodotti di design destinati anche ad altri settori.

 

Articolo scritto da: Samuela Urbini

L’articolo è stato pubblicato su THE ONE – Yacht and Design Amber issue – del 2017

Intervista a Luca Zingaretti

16 Gen

pubblicata su ON - dicembre 2010

E’ uno dei volti più amati dal pubblico televisivo e apprezzati da quello cinematografico, che lo ricorda per esempio nel ruolo del prete antimafia in Alla luce del sole e dello spacciatore disabile in La nostra vita. Di lui i fan, e le accanite fan, sanno tutto. In questa intervista, però, lo scopriremo molto ironico, profondo d’animo e… giardiniere.
In questo momento è sul set? Sto lavorando a molte cose insieme. Ma mi sono preso un semestre di riflessione dopo tanti anni pienissimi in cui avevo poco tempo per me. Credo sia bene per un attore fermarsi ogni tanto e ascoltare quello che gli succede intorno. Una citazione che le torna spesso in mente? “Le aquile volano sole, i corvi volano in schiera”. È una battuta che Visconti fa dire a Helmut Berger dal professor Burt Lancaster. Mi piace perché è un invito a non massificarsi, a non cercare a tutti i costi di conformarsi alla maggioranza, e a riflettere sulle proprie scelte, costi quel che costi, anche la solitudine.

Cosa ricorda di Perlasca. Un eroe italiano? La storia di Perlasca era così straordinaria da sembrare non vera e la sceneggiatura era scritta da Rulli e Petraglia, due talenti unici. Incontrare le persone che erano state salvate da Perlasca, parlare con chi lo aveva intimamente conosciuto, è stata un’esperienza umana e professionale incredibile.
Qualche anno fa dichiarò “Mi piacciono valori come la patria, la bandiera, l’inno”. Pensa che oggi siano in declino? Credo di sì. Quando vado all’estero mi fa rabbia sentire come gli stranieri siano orgogliosi delle loro origini, della loro appartenenza a una nazione. Noi invece… Anche quelli che si riempiono e si riempivano la bocca con
queste parole si sono poi dimostrati i meno attenti ai valori fondamentali a cui si richiamavano. Ma anche per questo
Patria, bandiera, inno, e parole come identità e appartenenza, mi piacciono di più: non bisogna credere alle cose
perché sono di “moda”, ma pensare con la propria testa e affermare le idee in cui si crede anche se non tutti sono d’accordo.

Nel suo ultimo film, Noi Credevamo di Mario Martone (uscito il 12 novembre scorso), interpreta lo statista Francesco Crispi. Cosa ha scoperto di lui? Mi sono dovuto documentare su un periodo storico che conoscevo appena. A scuola il Risorgimento viene affrontato sempre male. Studiando, ne ho scoperto l’importanza per interpretare il presente: molti dei mali e dei problemi che ci affliggono oggi originano da questioni che, non risolte allora, ci portiamo ancora dietro. Anche Crispi è un prototipo del politico italiano: ambiguo, invischiato in vicende poco chiare, trasformista e spregiudicato. Ho cercato di rendere questo aspetto di “liquidità” del personaggio.
Digitando su You Tube “Luca Zingaretti”, dei primi quattro video che compaiono, tre riguardano lei come sex symbol. Cosa ne pensa? Che è una ficata! Ma non è una questione di vanità, è che mi piace pensare che questo significhi aver conquistato il pubblico femminile. C’è poco da fare: le donne sono più intelligenti e sensibili. Loro
prima di vedere e ascoltare,“sentono” le cose e le persone. Non le puoi fregare! Il pubblico femminile è molto più attento, esigente, competente e si fa conquistare con molta più difficoltà. Una volta però che lo hai preso, non ti tradisce. Se non lo tradisci tu, ti resta vicino.

Di quale regista/i non perde un film? Sono molto contento di come stia andando il cinema italiano. All’estero, morto Kubrick, il più grande di tutti, il migliore per me resta Milos Forman.

copertina di ON - dicembre 2010

Dove comprerebbe casa domani? A Parigi, città meravigliosa, e Barcellona, perché è altrettanto meravigliosa con in più il mare.

In molte interviste si definisce un tipo istintivo, a volte collerico. Come trova, invece, il relax? Sono una persona normalissima, solo che ogni tanto mi inc… Mi piacciono tante cose: andare a vela, giocare a pallone, leggere, scrivere, provare a disegnare, conoscere la gente. Ultimamente ho scoperto una cosa che mi dà una pace interiore incredibile: occuparmi delle piante. L’avevo sempre considerato una perdita di tempo, poi ho provato a Pantelleria a potare dei piccoli ulivi che avevo piantato qualche anno prima: è stata una grande scoperta.
Il più bel complimento? Se fatti con sincerità, fanno tutti piacere. Per me i più significativi, però, sono quelli che vengono dalle persone delle troupe. È gente che passa la vita sui set e ne vede di tutti i colori. Mi ricordo quello di un assistente ai fuochi (è la persona che fa sì che le cose filmate restino a fuoco). A un certo punto il regista dette lo stop perché il mio volto in primo piano appariva sfocato. Si voltò a guardare l’assistente ai fuochi e lui di rimando: “Ahò, e che ve devo dì, me so distratto! Me so messo a sentì che stava a dì!”.

Articolo scritto da: Samuela Urbini
Clicca qui per vedere l’intervista a Luca Zingaretti pubblicata su ON di dicembre 2010: ON dicembre_Zingaretti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: