Archivio | aprile, 2011

L’Opera e il Balletto al cinema

15 Apr

L’idea è ghiotta: portare nei cinema sotto casa le grandi opere liriche e i migliori balletti dei più grandi teatri internazionali. In che modo? Sfruttando le nuove tecnologie del digitale e il 3D, via satellite si può essere seduti sulla poltrona del cinema e vivere in diretta la prima del Teatro alla Scala di Milano, oppure l’ultimo balletto del Bolshoi, o dell’Opéra de Paris. Certo, non è come essere veramente a teatro, chi ha la possibilità di andarci continuerà a preferire
l’esperienza diretta. Ma tutti quelli che non hanno mai visto un’opera o le grandi étoile in vita loro, trovano in questo nuovo trend il modo ideale per recuperare. Perché grazie ai sistemi audio e video delle sale che aderiscono, sarà come essere seduti a Parigi o a Mosca, ma in prima fila, non dalle balconate dove occorre il binocolo per vedere qualcosa.

ON Aprile 2011

L’idea è già una realtà consolidata in altri paesi, per esempio in Francia, mentre in Italia i pionieri sono due società: Microcinema e Nexo Digital. La prima è un network di sale digitali che ha sperimentato con La Traviata di Zeffirelli questo nuovo modo di utilizzare le sale nel 2007, ottenendo subito grandi apprezzamenti. E ha poi continuato su questa strada proponendo un cartellone di eventi in alta definizione digitale live, ma anche registrati, delle principali produzioni liriche italiane e internazionali. Il plusvalore etico di questa società è che ha fornito anche a sale parrocchiali o piccole sale d’essai che rischiavano la chiusura dei sistemi di sala che permettono di proiettare film ed eventi in alta definizione. Oggi il suo network digitale satellitare conta 150 sale. Ad aprile si vedranno l’Anna Bolena di Gaetano Donizetti, dalla Wiener Staatsoper di Vienna (5 aprile ore 19) e Il barbiere di Siviglia, di Gioacchino Rossini, dal Teatro Regio di Parma (26 aprile ore 20). Nexo Digital oltre alle opere, ha un programma di balletti d’eccezione, sui quali stanno avendo ottime risposte da parte del pubblico, che per esempio non ha lasciato nemmeno un biglietto libero per Gisèle, lo scorso dicembre. Segnatevi in agenda domenica 29 maggio: avrete l’occasione di scoprire le emozioni del corpo di ballo del Bolshoi, in diretta live da Mosca, che si esibirà in una Coppélia che lascerà a bocca aperta.

Articolo scritto da: Samuela Urbini
Clicca qui per vedere l’articolo pubblicato su ON di aprile 2011: ON Aprile_rubr Cinema

Osé: che fai, ci provi?

12 Apr

Osé: che fai ci provi - Ubisoft

Il primo sense game della Ubisoft

C’era una volta lo strip poker. Versione piccante del famoso gioco d’azzardo, in cui l’azzardo consisteva nel non imbarazzarsi se quando si perdeva bisognava sfilarsi un indumento. Non da vigilia di Natale, certo, ma perfetto passatempo per scaldare l’atmosfera in coppia o in quattro amici. I tempi cambiano e oggi il team italiano Ubisoft Milan ha inventato il primo “sense game”, come è stato ribattezzato, che soppianterà lo strip poker perché molto più vario e divertente. Si chiama Osé – Che fai ci provi? ed è un videogioco sviluppato con l’ausilio di consulenti di coppia e serve per risvegliare la passione sopita se si gioca in due, o per farsi delle gran risate se si gioca in una compagnia di quattro persone, doppia coppia, ma anche solo amici.L’utilizzo inusuale dei comandi di gioco di Nintendo Wii (controller) e PlayStation 3 (PlayStation Move) invita i partecipanti al contatto fisico, se pur soft (il gioco è indicato ai maggiori di 12 anni e costa 29,99 euro).

Osé: che fai ci provi?, col controller

Fin dall’inizio è possibile scegliere un avatar personalizzato in base alle caratteristiche personali o a quelle dei propri sogni. Si può selezionare anche il percorso emozionale della serata: sognante, spettacolare, malizioso, avventuroso e geniale. Così il videogame si adatterà all’atmosfera che volete ricreare. Il passo successivo consiste nella scelta di uno dei quaranta minigiochi contenuti in Osé – Che fai ci provi?: per i più fantasiosi, sono a disposizione diversi sottofondi musicali che ripropongono brani conosciuti come Sex Bomb e (I’ve Had The) Time of My Life, il brano più famoso del fim Dirty Dancing, con cui scatenarsi in vorticosi balli di coppia. Cercando ovviamente di avvicinarsi il più possibile alla sensualità di Patrick Swayze. Per i più maliziosi, invece, è possibile sfidarsi in un inconsueto spogliarello davanti alla Tv:l’utilizzo della Wii Balance Board

Cover ON Aprile 2011

(quella della Wii Fit, per intenderci) permetterà di superare l’imbarazzo e risvegliare i sensi, meglio di qualsiasi terapia di coppia tradizionale. Poi c’è la gara di abbraccio sensuale, o quella in cui, in due, si deve simulare di mangiare una mela appesa al soffitto, che nella realtà del vostro salotto sarà il controller stesso. Alla fine della sfida, se avrete giocato in modalità multiplayer fino a quattro giocatori, verrà decretata la coppia più affiatata della serata. Il seguito, invece, sta alla vostra sensibilità…

Articolo scritto da: Samuela Urbini
L’articolo sul nuovo sense game della Ubisoft Osé: che fai ci provi è stato pubblicato su ON di aprile 2011: ON Aprile_Ose
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: